» Commenti
mercoledì 24/01/2018

Il M5S non avrà l’incarico e farà campagna post-voto coi 20 punti

Il M5S non avrà l’incarico e farà campagna post-voto coi 20 punti

D’accordo, quando Paolo Gentiloni dice che “la possibilità che i 5Stelle arrivino a guidare il governo non esiste perché non avrebbero i numeri per governare”, la sua è senza dubbio una scorrettezza (altro che neutralità del premier), ma pone ugualmente una questione non marginale che riguarda soprattutto Sergio Mattarella.

Cosa farà il capo dello Stato, dal 5 marzo in poi, nell’eventualità (probabile secondo tutti i sondaggi) che il M5S conquisti la percentuale necessaria per risultare il partito di maggioranza relativa? Che però di voti non ne abbia raccolti abbastanza per governare da solo? Luigi Di Maio, nel presentare le 20 proposte del Movimento, ci ha già spiegato che la sera del 4 marzo le forze politiche “dovranno dirci perché non convergono sul nostro programma”. Con questa formula, il capo politico sembra quasi mettere le mani avanti rispetto al no degli altri partiti, ampiamente prevedibile. Chi, infatti, realisticamente, potrebbe “convergere”?

Escludiamo per ovvie ragioni Pd e Forza Italia. Ma anche la Lega, perché se per ipotesi (estrema) Matteo Salvini decidesse con uno strappo atomico di staccarsi da Berlusconi, i voti per una maggioranza “populista” non ci sarebbero ugualmente. E ce ne sarebbero ancora di meno nel caso di un accordo, anche questo ipotetico, con Liberi e Uguali di Grasso, Bersani e D’Alema.

Esiste poi un aspetto formale molto sostanziale e qui torniamo al Quirinale.

Come si sa, prima di affidare l’incarico, per prassi costituzionale, il presidente della Repubblica indice le consultazioni e sulla base delle indicazioni ricevute dai gruppi parlamentari conferisce l’incarico alla persona con le maggiori possibilità di formare un governo in grado di ottenere la fiducia del Parlamento.

Tagliamo corto: Mattarella potrebbe conferire a Di Maio un incarico esplorativo per cercare una complicata maggioranza in Parlamento sulla base del programma pentastellato?

Ipotesi non impossibile, ma spericolata, soprattutto se le percentuali del centrodestra sfiorassero la maggioranza assoluta (se la conquistassero discorso chiuso). In quel caso, l’esplorazione non spetterebbe subito al candidato premier designato da Berlusconi, Salvini e Meloni?

Insomma, poiché i grillini avranno molti difetti ma a fare politica hanno imparato in fretta, ecco che la mossa del programma sembra studiata come la continuazione della campagna elettorale. Infatti, se col nuovo Parlamento nessuno fosse in grado di formare un governo (oggi i sondaggi dicono questo) Mattarella potrebbe (dovrebbe) forzatamente ricorrere a un governo di scopo, sostenuto da chi ci sta, con l’incarico di approvare una nuova legge elettorale per procedere entro pochi mesi a un nuovo voto. Sarebbe il secondo tempo di una partita che il MoVimento potrebbe puntare a vincere accreditandosi come la sola alternativa agli inciuci di regime, e “per non lasciare il Paese nel caos” (sempre Di Maio). Tanto più se gli altri partiti non avranno condiviso per esempio “il taglio delle liste d’attesa per tutti gli esami nella Sanità”, la “lotta alla grande evasione fiscale”, “l’uscita dal petrolio entro il 2050”, “l’abolizione del precariato nella scuola”, per non parlare “dell’abolizione della povertà” (Di Battista). Vasto programma, per dirla con il generale De Gaulle, che però si riferiva semplicemente all’abolizione dei cretini.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Parigi val bene un’orda di ratti

Apprendiamo da una deliziosa cronaca del Corriere della Sera (sul giornale di ieri, a pagina 29) che Parigi è invasa dai ratti. “Nella città della Senna qualche topo si è sempre visto”, ma “da qualche mese l’esperienza più frequente, soprattutto la sera quando le strade sono meno rumorose, è vedere nugoli di decine di roditori che all’improvviso corrono in tutte le direzioni”. I toponi non si limitano a fare colore, ma mozzicano: “Ci sono colleghi che hanno raccontato di essere stati attaccati al braccio, uno anche alla gola”, denuncia lo spazzino David. Ma non siate troppo impressionati da queste immagini pulp. Nessuno sembra particolarmente indignato. Meno che mai il Corsera, che accompagna l’articolo con la simpatica immagine di Ratatouille, il topo-chef della Disney. La sindaca Anne Hidalgo ha stanziato un milione e mezzo di euro per la derattizzazione, ma a quanto pare ogni decisione drastica è ostacolata dalle proteste degli animalisti. E in fondo la colpa non è della prima cittadina, ma dei “nuovi ristoranti lungo la Senna, che lasciano troppi avanzi non protetti”. O della piena del fiume, che ha sottratto ai roditori il loro giaciglio naturale, facendoli venire alla luce dei lampioni. Ora, immaginate se una notizia del genere riguardasse la città di Roma e la giunta che la guida. Riuscite ancora a vedere Ratatouille?

Politica

Eterno Formigoni, tra Senato e processi Altitonante c’è, in barba all’Antimafia

Politica

La “liberazione” di Grillo ricomincia dalla Rete

Commenti
Il sabato del villaggio

Quando l’Authority rischia di perdere tutta la sua autorità

di
Michael Jackson non era nessuno
Commenti
10 anni dopo

Michael Jackson non era nessuno

Commenti

In Francia la vera rabbia è senza Gilet

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×