Dopo gli ascensori, fuori uso da mesi, ora anche rubinetti senz’acqua. Non c’è pace per i duemila dannati dell’Hotel House, il grattacielo-ghetto di Porto Recanati (Macerata) che sta implodendo. Nel giro di pochi giorni si sono rotti ben quattro impianti che pompavano l’acqua, presa da un pozzo abusivo, dal primo fino al sedicesimo piano. Se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Respinto il ricorso dei teatri contro gli 8 milioni a Barbareschi “L’Eliseo è superiore a tutti”

prev
Articolo Successivo

Caso Mazzamauro, Brignano: “Ecco le prove che il mostro non sono io”

next