La gioiosa macchina da guerra di Giuliano Pisapia ha orientato il dibattito pubblico sulla sinistra italiana per un anno intero: dal 7 dicembre 2016, giorno della “discesa in Campo Progressista” al 6 dicembre 2017, giorno dell’addio alle scene con citazione di Brecht (“Chi combatte rischia di perdere, chi non combatte ha già perso”). Pisapia ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dove vanno le truppe di Pisapia e Alfano

prev
Articolo Successivo

Lupi sta con Silvio, Lorenzin da Renzi: in Ap è liberi tutti

next