“Lo sapeva che negli anni Venti i cittadini più ricchi degli Stati Uniti non erano i wasp bosnoniani ma gli indiani Osage che erano stati confinati in Oklahoma?”. L’albergatrice Francis Dixon di Lake Placid mi scrutò e sorrise dinanzi al mio stupore. Era il febbraio del 1980, lei, origini cherokee fieramente evocate, mi aveva un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La settimana Incom

prev
Articolo Successivo

Facce di casta

next