Da quasi due settimane il Gestore dei servizi elettrici non ha nessun canale per parlare con il pubblico. Si tratta di un colosso da 30 miliardi di fatturato, remunerato dalle bollette e controllato al ministero del Tesoro, che si occupa di smistare gli incentivi alle rinnovabili. Il suo “contact center” è fermo per uno sciopero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Crollo di Leonardo: l’Ad Profumo paga gli errori di Moretti

prev
Articolo Successivo

Ambiente. Pochi fondi e spesi male. Questo allontana i cittadini dalle urne

next