Nato a Torino nel 1901, Adriano Olivetti dopo la laurea in ingegneria trascorre 6 mesi negli Usa, visitando le fabbriche e la loro organizzazione. Nel 1938 diventa presidente dell’azienda di famiglia con l’obiettivo di modernizzarla con un’attenta gestione dei dipendenti. Sovversivo al fascismo, frequenta Altiero Spinelli, teorico dell’unità europea, e fonda nel 1948 il Movimento Comunità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”

prev
Articolo Successivo

La storia come maestra di vita non è più la bussola dei politici

next