L’Isis potrebbe aver guadagnato – e anche parecchio – con il pieno di benzina fatto dagli automobilisti italiani. E anche i boss libici del traffico di migranti. Ipotesi plausibili, spiega il procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro, anche se nell’inchiesta non hanno trovato prove. Quel che è certo, invece, è che il Mediterraneo descritto nell’indagine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Robledo, il pm bandito da Milano perché indagava troppo (su Expo)

prev
Articolo Successivo

Mps, il procuratore: “Pronto a riaprire l’inchiesta su Rossi”

next