L’aeroporto internazionale di Tripoli non sarà ricostruito dal consorzio italiano che si era aggiudicato, in base a criteri tutti da chiarire, il contratto. A mettere la parola fine, almeno per ora, è stato il governo libico di Tobruk, con un documento firmato da Munir Ali Asr, ministro dell’Economia e dell’industria. Il governo di Tobruk, appoggiato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pesticida, report copiato da Monsanto. Nel mirino l’authority Ue per la salute

prev
Articolo Successivo

“Il Sole” e Generali, le sviste della Consob

next