“Subito dopo aver scritto questo libro, è morto il cane di mio padre. Era giovane ed è stato un incidente: ho aperto una porta, come mi aveva chiesto mia madre, pur avvertendo qualcosa di negativo. In quella circostanza ho capito che non devo ascoltare più nessuno”. Elisa Fuksas è al suo secondo romanzo, Michele, Anna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sono ciabatte di gomma ma si danno arie da Crocs

prev
Articolo Successivo

Federica: duecento e stop. Gabri&Greg, 800 per due

next