“Dati clinici rubati dai medici e venduti ai giganti del farmaco”

Affari non ricerca - Dagli atti dell’inchiesta di Parma sull’ex primario Fanelli emerge l’idea dell’archivio illegale con le cartelle dei malati
“Dati clinici rubati dai medici e venduti ai giganti del farmaco”

Pazienti come cavie. L’oncologia come un pozzo senza fondo per arricchirsi a discapito del dolore dei malati. E ora anche il furto: i dati delle cartelle cliniche sottratti dagli archivi degli ospedali per inserirli in un database privato e poi rivenderli alle case farmaceutiche. È un vero e proprio vaso di Pandora sulla malasanità l’inchiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.