Henry John Woodcock è sottoposto a procedimento disciplinare al Csm per un’intervista sull’inchiesta Consip che non ha mai concesso. Il procedimento è stato aperto dal procuratore generale della Cassazione Pasquale Ciccolo, dopo che il Guardasigilli Andrea Orlando, l’altro titolare di questo potere, aveva dichiarato al Fatto Quotidiano di non aver azionato attività ispettive su Napoli “perché non emergevano profili disciplinari”. Ciccolo invece accusa il pm di Napoli che ha scoperchiato il caso Consip di aver rilasciato la sera del 12 aprile alcune dichiarazioni a Liana Milella, pubblicate da Repubblica a pagina 13 il giorno dopo, relative alle indagini e al capitano del Noe Giampaolo Scafarto, poi sotto inchiesta a Roma per la presunta manipolazione di una trascrizione sul papà dell’ex premier, Tiziano Renzi. Esternando, Woodcock avrebbe violato le direttive del procuratore reggente di Napoli Nunzio Fragliasso tenendo “un comportamento gravemente scorretto” nei confronti suoi e dei colleghi di Roma che hanno ereditato lo stralcio sugli appalti Consip, perché il capo della Procura di Napoli la mattina del 12 aprile aveva convocato una riunione con l’aggiunto e i pm del caso Consip – Filippo Beatrice, Celestina Carrano e Woodcock – invitandoli a mantenere riserbo con gli organi di informazione per non interferire con le indagini di Roma.

Peccato però che in nessuna parte dell’articolo si evinca che Woodcock abbia parlato con Repubblica. Milella in quell’articolo ricorda che Woodcock ha sempre risposto ai giornalisti: “C’è una regola che mi impedisce di parlare e io non parlo”. Ma, scrive Repubblica, “tale era la pressione su di lui che almeno coi suoi colleghi Woodcock è costretto a parlare”. E poi riporta le frasi del pm ai colleghi. Non ci sono certezze sul momento in cui sono state pronunciate queste frasi. Potrebbero essere precedenti alla riunione con da Fragliasso. “La tempistica in questa vicenda è importante”, si limita a dire Marcello Maddalena, l’ex procuratore capo e poi procuratore generale di Torino che difende Woodcock. Il summit del 12 aprile si concluse con un comunicato della Procura di Napoli che smentiva tensioni coi colleghi romani e confermava la delega ai carabinieri del Noe, revocata invece a Roma perché i militari erano ritenuti responsabili di reiterate fughe di notizie.

Agli atti del procedimento disciplinare c’è una relazione di Fragliasso e il capo di incolpazione di Ciccolo asserisce che ad articolo già in edicola Woodcock avrebbe poi detto “di essere stato tratto in inganno”. Erano giorni tesissimi. Il 12 aprile i giornali scrivono di “scontro tra Procure” sul Noe. Stampa ostile alle indagini del pm dal cognome inglese lo indica come il mandante di un ufficiale dei carabinieri falsario con lo scopo di costruire una inchiesta farlocca per screditare Matteo Renzi. Woodcock è un magistrato esperto e le sue indagini del passato sui vertici della politica lo hanno abituato a lavorare sotto pressione. È questo il contesto quando su Repubblica il 13 aprile esce il suo “pensiero”. Il titolo: “Errore grave, nessun complotto. Il controllo non spettava a noi”.

Ciccolo sostiene che Woodcock avrebbe interferito sulle indagini di Roma con la frase sul presunto falso di Scafarto: “La risposta più logica è che si sia trattato di un errore, solo un pazzo avrebbe potuto danneggiare così il proprio lavoro”. Ma non ci sono dubbi sulla correttezza delle indagini romane. C’è invece stima per l’aggiunto di Roma Paolo Ielo: “Lavora bene da trent’anni”.

Cinque giorni dopo, Fragliasso dirama una circolare, la 69/2017, che raccomanda ai pm di evitare di rendere dichiarazioni anche “in forma indiretta o in maniera impersonale” che hanno determinato la “sovraesposizione mediatica dell’ufficio”. È un richiamo alle parole di Woodcock? Ieri Fragliasso era a Roma e ha incontrato il procuratore capo Pignatone. Oggi il pm romano Palazzi interrogherà Scafarto. L’ufficiale è difeso dell’avvocato Giovanni Annunziata, che sta preparando una memoria. “La presenteremo più in là”. Su Consip ormai tutti misurano le parole col bilancino.

Articolo Precedente

Dall’indagine per bancarotta agli incontri con Carboni: tutti i guai dell’ex vice di Etruria

prev
Articolo Successivo

Mega-incarichi in Consip: indaga la Corte dei Conti

next