Sono passati due anni dal 1º maggio 2015, quando si sono aperti i cancelli di Expo. Sulla narrazione dell’esposizione universale sono stati costruiti il mito della rinascita di Milano e il successo politico del suo commissario, Giuseppe Sala, poi diventato sindaco di Milano. Ora è possibile un bilancio meno ideologico e trionfale e più pacato. Tentiamo di farlo sulla base dei numeri oggi a disposizione.

1. Lo smantellamento. A due anni dall’inizio, non sono ancora terminati neppure i lavori per smantellare i padiglioni (i lotti dovevano essere riconsegnati entro maggio 2016). Dei 53 padiglioni dei Paesi, 8 sono ancora lì. L’Ungheria non ha neppure cominciato i lavori. Smantellamento in corso per Turkmenistan, Nepal, Usa, Polonia, Bahrein e Messico. Da smontare ancora lo stand Alitalia (che ora ha altro a cui pensare) e quello delle aziende private cinesi: dovrà occuparsene, con soldi suoi, Arexpo, la società che possiede le aree.

2. I contenziosi. Sono 18 gli appalti per la costruzione dell’esposizione che si sono trasformati in braccio di ferro con le aziende, che hanno chiesto più soldi per varianti ed extracosti. La Piastra è costata 225 milioni invece dei 165 aggiudicati nella gara vinta dalla Mantovani (ancora sotto indagine penale). Palazzo Italia (compreso il Cardo) ha raddoppiato il costo, da 27 a 54 milioni. La Cmc per la rimozione delle interferenze ha preteso 98 milioni invece dei 58 offerti al momento della gara. Per le vie d’acqua la Maltauro ha incassato 5 milioni in più. Per l’allestimento di Palazzo Italia la Castelli ha strappato 1 milione in più. Altri 13 dossier sono ancora aperti, con trattative con le aziende, contenziosi in corso e coinvolgimento dell’Anac e dell’Avvocatura generale dello Stato.

3. Il bilancio. Expo è costato 2,4 miliardi di euro di soldi pubblici: 1,3 miliardi per la costruzione del sito e 960 milioni per la gestione dell’evento. I ricavi da biglietti e sponsorizzazioni sono stati circa 700 milioni. La società deve andare avanti, per chiudere i contenziosi e la liquidazione, fino al 2021. Mancano soldi. Almeno 23 milioni che dovranno essere versati dai soci: 9 milioni li ha messi il governo, il resto dovrà arrivare da Comune di Milano e Regione Lombardia. Ma questi sono i denari necessari per la gestione della società, a cui si devono aggiungere i soldi per i creditori non ancora pagati e per gli extracosti chiesti dalla imprese. Potrebbe aprirsi una voragine, che sarà ridotta se e quando Arexpo pagherà i 47 milioni che deve a Expo per l’infrastrutturazione dell’area.

4. Il buco. I fornitori aspettano da Expo spa pagamenti per 256 milioni (dati 2015) che oggi potrebbero essere scesi a 115 milioni. Expo, d’altra parte, è anche creditore: sta ancora aspettando che i suoi clienti (da Alessandro Rosso ad alcune aziende cinesi) saldino le fatture per pacchetti di biglietti mai venduti ai visitatori e altre forniture. A fine 2016, i crediti considerati esigibili erano 10,4 milioni: 3,3 milioni sono stati incassati tra gennaio e marzo 2017; altri 7,1 milioni dovrebbero arrivare in questi mesi. I crediti considerati irrecuperabili sono 58,4 milioni. La palla passerà ora al nuovo commissario unico per la liquidazione, Gianni Confalonieri, che dovrà battere cassa per far quadrare i conti. Intanto siamo in attesa che la gara avviata da Arexpo trovi uno sviluppatore in grado di trasformare il grande vuoto dell’area Expo (oltre 1 milione di metri quadrati, costati 142 milioni di euro nel 2011) in attività immobiliari e in un parco universitario, di ricerca e di produzione scientifica. Con finora un’unica certezza: il grande parco promesso di 440 mila metri quadrati non ci sarà, ma sarà spezzettato in tante aree verdi “condominiali”.

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ong, fake news e cattiva verità

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next