Il manuale - Pronto uso dalla A alla Z

“Zerbinotto” sarai tu: anche l’insulto deve essere preciso

12 Aprile 2017

Chi non ha, suo malgrado, dovuto fare i conti con valletti in livrea che procedono o seguono la carrozza del padrone? Dicasi dunque “lacchè” – sempre molto in voga anche senza carrozza – l’individuo che si umilia davanti a qualcuno. Da non confondere però con il “leccapiedi” o peggio il “leccaculo” la cui iconicità toglie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.