Alchemaya, un nome che è già tutto un programma quello della primissima prova teatrale di uno dei cantautori più interessanti, produttivi e istrionici del panorama musicale italiano. Max Gazzè, reduce dalla tournée mondiale del disco campione d’incassi Maximilian, ha debuttato il 3 aprile al Teatro dell’Opera di Roma (sold out) con un lavoro che, data […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Ovidio, il “poeta superficiale”

prev
Articolo Successivo

Per Edda la rivoluzione è stata una deliziosa utopia

next