Non sopportava gli attori che “hanno desiderio di difendersi con la parola” né quelli “malati di narcisismo indifferente”, e da tempo non sopportava più nemmeno se stesso: Memè Perlini si è buttato martedì sera giù dalla finestra del suo appartamento al quinto piano a Roma. Il corpo è stato trovato ieri mattina nel cortile interno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La speranza di Kaurismäki: un’Europa di nuovo accogliente

prev
Articolo Successivo

L’avvocata, la Dj lesbica e la studentessa. Sembra New York, invece è Tel Aviv

next