È l’enciclopedia del plagio e del suo sospetto: da Saviano a Galimberti, da Rampini ad Augias. Se il dibattito culturale sembra evitare il tema della tesi di dottorato copiata dal ministro Marianna Madia è perché gli opinion maker che dovrebbero essere gli accusatori, sono spesso stati gli accusati. Si può partire da Roberto Saviano, autore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Volkswagen, l’Agnelli tedesco vende le quote del Gruppo

prev
Articolo Successivo

Prima bocciatura per la Madia

next