La versione vip di Masterchef – divertente, ma meno competitiva e appassionante di quella con gli sconosciuti – ha messo in evidenza un fattore che era già palese da tempo, ma che andava ribadito ulteriormente: la superiorità del fattore MM. Il fattore MM è di gran lunga superiore al fattore X (carisma) e al fattore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Aleksandr e i ragazzi borghesi: generazione Putin contro lo zar

prev
Articolo Successivo

“Superga, solo uno schianto”: Agnelli sapeva dello striscione

next