Aleksandr Vilen frequenta il 10° anno della scuola russa, che corrisponde al 4° anno del liceo in Italia. Ha 17 anni, dunque è un figlio dell’era Putin, al potere dall’8 agosto del 1999, prima come premier poi come successore del presidente Boris Eltsin. Alexsandr è uno dei giovani che ha osato sfidare i divieti delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La centrale sotto accusa per i 400 morti sarà demolita

prev
Articolo Successivo

Il fattore MM. L’aria da zia che mette tutti in riga

next