Un ambiguo rapporto con il neorealismo: accusato di qualunquismo, l’amato Orson Welles, seppur con le sue “torte barocche avvelenate dal cattivo gusto”, il giudizio positivo sui “films” di Pier Paolo Pasolini: quarantasette schede di recensioni cinematografiche scritte nel biennio 1950-1951 che Elsa Morante leggeva nel programma radiofonico Rai e che ora Einaudi pubblica riprendendole dai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ingroia indagato per vitto e alloggio

prev
Articolo Successivo

’Ndrangheta-Juve in Antimafia. Ora Agnelli rischia la squalifica

next