Nel teatro più antico di Firenze, a Stefano Belisari in arte Elio viene in mente una vecchia storia: “Era il gennaio del 1979, avevo 17 anni e stavo andando a scuola. C’era una macchina arancione ferma ad un incrocio, una bomboletta che eruttava fumo verde al centro della strada e un uomo impalato, palesemente sotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Strage di Berlino, nessuno vuole seppellire Amri

prev
Articolo Successivo

Il Festival della rottamazione ha rottamato pure il Festival

next