Il 1829 è anno importantissimo per la storia dell’Opera. In agosto vi fu a Parigi la prima esecuzione dell’ultimo capolavoro teatrale di Rossini, il Guglielmo Tell, che fonda definitivamente il Grand-Opéra francese. Ma a febbraio alla milanese Scala vi fu la prima rappresentazione de La straniera, Opera di un ragazzo catanese che ancora non aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il Festival della rottamazione ha rottamato pure il Festival

prev
Articolo Successivo

Autografi in contanti

next