Il ragionamento di Matteo Renzi ha una sua consistenza. Appena un premier politico forte è uscito da Palazzo Chigi, la politica economica è tornata ostaggio della burocratja del Tesoro, la quale è a sua volta ostaggio della burocratja di Bruxelles, che si prepara a sottoporre l’Italia a un biennio di manovre lacrime e sangue. Per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il Censis predica bene, ma caccia metà del personale

prev
Articolo Successivo

Gad Lerner: “Il nuovo Prodi è Pisapia. A Milano ha mostrato come si governa, solo con lui si torna a vincere”

next