Nessuno può negare a Giuliano Amato di essere stato il primo a mettere sullo stesso fronte Cgil e Matteo Renzi; e, come abbiamo imparato da questi tre anni di governo, si tratta di un’impresa ardua e perigliosa. A sancire dove andasse tracciato il labile perimetro dell’ammissibilità tecnico-giuridica, spostandolo lievemente più indietro del quesito referendario scritto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Potere o populismo? No, c’è una terza via

prev
Articolo Successivo

“Stampubblica”

next