C’è chi dice che sia stato prodotto anche un documento, un “patto Gentiloni” con tutti i nomi, parte cruciale del processo di scelta del nuovo premier. Ma quello che conta è la sostanza: il nuovo assetto politico ha un esito quasi inevitabile, la riconferma dei principali capi azienda delle società controllate dallo Stato, soprattutto Eni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La testatina 1616

prev
Articolo Successivo

Neppure una foto: Gentiloni scompare anche a Bruxelles

next