Paradossalmente l’ultimo ostacolo alla convocazione di un congresso anticipato del Pd – idea non assurda visto che il partito s’è prima spaccato e poi schiantato su un referendum costituzionale – è la minoranza, sempre restia a contarsi quanto tentata dall’appeasement, dall’accordo al caminetto. D’altra parte a questo giro Pier Luigi Bersani e soci, in realtà, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal Pd al partito di Matteo: il congresso secondo Renzi

prev
Articolo Successivo

Azzannatori, diafani e perfino prussiani: la tempesta perfetta del dizionario dem

next