A sentire le uscite, vincono tutti. L’accordo sul rinnovo del contratto del pubblico impiego fa esultare i sindacati confederali (“dopo 7 anni un grande risultato delle sigle unitarie”) e il governo, che insieme glissano sul miracolo avvenuto alla vigilia del voto referendario. Tutti, tranne l’Unione sindacale di base, che parla di “marchetta elettorale al governo”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un video di favori in cambio del Sì

prev
Articolo Successivo

Lavoro, giù gli occupati “stabili”: -39 mila a ottobre

next