Il bivio, ormai, ai piani alti del Movimento lo vedono chiaro: da che parte deve andare Luigi Di Maio (e con lui i Cinque Stelle)? Da una parte c’è la strada “vecchia”, quella istituzionale, quella che è nel dna del vicepresidente della Camera e, finora, candidato premier in pectore. Dall’altra c’è la versione, stonata, delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma, i buchi nella giunta. Quanti “no” alla Raggi

prev
Articolo Successivo

Marra e l’attico “scontato” di Scarpellini

next