Sei giorni sono già passati. E ancora non si muove niente. Niente assessore al Bilancio, niente capo di gabinetto. Alla giunta di Virginia Raggi mancano le pedine chiave per provare a ripartire dopo gli inciampi sul caso Muraro, le polemiche sui fedelissimi Raffaele Marra e Salvatore Romeo e le dimissioni – spontanee o forzate – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tiziana Cantone, se il file è già virale non si può fermare

prev
Articolo Successivo

Confindustria Giovani e Aspen: gli inviti e il bivio di Di Maio

next