Gian Arturo Ferrari dice no. Il vicepresidente di Mondadori, sondato a Torino per un possibile ruolo di presidente del Salone internazionale del libro, non rinuncia al suo incarico nella casa editrice di Segrate. Impegni troppo importanti, quelli con la Mondadori, per mettersi a gestire una vicenda delicata come la kermesse dell’editoria finita al centro di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Intercettazioni. Pd, Fi ed ex Sel salvano “Giggino ‘a Purpetta”. Che ora spera nell’archivizione

prev
Articolo Successivo

“La kermesse è maledetta e finita: giusto così”

next