Nel 2013 disse di aver appoggiato “Bersani senza essere bersaniano”, e di essere poi passato a “Renzi senza essere renziano”. Una metamorfosi celata dietro una sorta di understatement che lo ha premiato, se è vero che nel corso della conferenza stampa di fine anno è stato l’unico candidato citato dal premier, come “l’amico Gnassi”. Oggi il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Io di disturbo? Ma va… il nostro popolo mica li vota i renziani”

prev
Articolo Successivo

Agenzia digitale, il reponsabile Anticorruzione segnala irregolarità a Cantone e viene fatto fuori

next