E alla fine mi son detta: ma non sarà il caso di provare a votare questa ragazzetta esile, dalla faccia pulita, che fa per nome Virginia Raggi? Sabrina Ferilli era rossa come un cocomero d’estate. Lei mi vorrebbe far piegare la scelta verso Stefano Fassina? Rosso lei, rosso lui. Tra l’altro quel voto lo meriterebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria 2805

prev
Articolo Successivo

Renzi sceglie tre teatri e manda l’opuscolo-spot via posta

next