Milioni e contributi, perché Angelucci ha scelto Renzi

L’editore caccia Belpietro, direttore ostile alle riforme, dopo che Lotti ha sbloccato i fondi e rateizzato il debito

Comments
19 Maggio 2016

Antonio Angelucci, deputato assenteista di Forza Italia e patron di Libero, s’è appena iscritto al partito dei riformisti renziani. Quelli che s’adoperano per il sì al referendum costituzionale di ottobre. Ha defenestrato Maurizio Belpietro, che per il commiato ha firmato un manifesto contro la scomparsa del bicameralismo e la deriva autoritaria di Matteo Renzi. Ora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.