A guardare bene il busto in gesso che i commercianti del quartiere gli hanno dedicato, custodito segretamente nell’androne di casa in Vico Santi Filippo e Giacomo, più che a Ciro l’Immortale assomiglia a un soldato di Allah. Inconfondibile barba e occhiali neri, Emanuele aveva il destino segnato: il boss Di Lauro come idolo e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Compagno Angelo, eroe del popolo

prev
Articolo Successivo

Rolex, champagne e baci d’onore: patti criminali in Rete

next