Al Liceo scientifico Armando Diaz di Caserta, tra Pietro Taricone e Marco D’Amore, c’era anche Roberto Saviano: “Aveva i capelli lunghi e lisci, lo chiamavo l’indiano. Roberto era molto più grande di me e sapeva come farsi ascoltare”. La seconda stagione di Gomorra-la serie, saggio di bravura collettiva che – sembrava impossibile – supera in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Te lo do io l’impeachment: annullato il procedimento contro Dilma Rousseff

prev
Articolo Successivo

“Sono passata dall’altra parte della barricata, non sono snob”

next