Hanno appeso al chiodo le tute blu e sono tornati a varcare i cancelli della fabbrica: 20 operai della ex Fiat di Termini Imerese hanno dismesso i panni di metalmeccanici e ora disegnano al computer componenti per auto in 3D. A cinque anni dalla chiusura dello stabilimento alle porte di Palermo, e dopo un’altalena di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Caivano, altri 2 inquilini nella rete dei pedofili”

prev
Articolo Successivo

La camorra dietro l’omertà

next