Il 25 aprile è sempre stata una data inquieta, che ha subìto tutte le fasi e le oscillazioni della nostra Storia come un sismografo”. Giovanni De Luna, docente dell’Università di Torino, è uno dei più importanti storici contemporanei del fascismo e della Resistenza. “Basta osservare la storia della Repubblica. Quella della Liberazione non è mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

25 aprile oggi “So che c’è una festa, non so di chi”

prev
Articolo Successivo

Cantami o servo: la lingua batte dove il Principe vuole

next