Il governo continua a rimandare il decreto con i risarcimenti per le vittime delle quattro banche “salvate” a novembre azzerando il valore di azioni e obbligazioni subordinate: “Con noi c’è da tempo un accordo sui rimborsi, la nostra parte l’abbiamo fatta”, spiega al Fatto il commissario alla Concorrenza, la danese Margrethe Vestager. I risarcimenti però […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pop Vicenza verso l’addio alla Borsa. Vincono solo le banche

prev
Articolo Successivo

Aborti illegali e neonati morti, ma i medici se la ridevano

next