Sono le 3 di ieri pomeriggio. Un gruppo di agenti procede con cautela verso rue du Dries, nel comune di Forest che fa parte dell’agglomerato di Bruxelles. Con loro anche qualche uomo della Forze Speciali antiterrorismo. Devono perquisire un appartamento, su mandato della Procura. Potrebbe essere un potenziale covo jihadista. Il controllo è nell’ambito dell’inchiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I partigiani della Guerra santa sul web

prev
Articolo Successivo

Coalizione di (poco) volenterosi dopo la Siria tocca alla Libia

next