“Zama”, esordio “inglese” per i Mòn dark

Sin dal primo ascolto dell’album Zama, degli esordienti Mòn, gli echi di gruppi inglesi come The XX, Alt J e Arctic Monkeys, sono evidenti, e non è un caso che rientrino tra i loro punti di riferimento. Perché la band formatasi in un box della Capitale nel 2014, fa dell’incastro delle voci di Rocco Zilli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.