Voto all’estero alla Consulta: “Così viola la Costituzione”

Una giudice di Venezia invia alla Corte il ricorso di un italiano residente in Slovacchia: “Esprimersi per corrispondenza non garantisce né la segretezza né la libertà prescritte dalla Carta”
Voto all’estero alla Consulta: “Così viola la Costituzione”

Il treno è arrivato lì dove doveva, vale a dire alla Corte costituzionale. I giudici delle leggi dovranno occuparsi della legittimità delle (contestatissime) modalità di voto degli italiani all’estero visto che il Tribunale di Venezia ha deciso di sottoporgli il ricorso di un cittadino italiano residente in Slovacchia, Pier Michele Cellini: presentato poco prima del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.