Il treno è arrivato lì dove doveva, vale a dire alla Corte costituzionale. I giudici delle leggi dovranno occuparsi della legittimità delle (contestatissime) modalità di voto degli italiani all’estero visto che il Tribunale di Venezia ha deciso di sottoporgli il ricorso di un cittadino italiano residente in Slovacchia, Pier Michele Cellini: presentato poco prima del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Polpette” avvelenate: Cesaros padre e figlio, parodia dei Savastano

prev
Articolo Successivo

De Mita e il favore dal giudice arrestato

next