Uber, un nuovo datagate da 20 milioni di utenti

Uber, un nuovo datagate da 20 milioni di utenti

Sottratta a Uber la chiave di accesso per scaricare file non crittografati che contenevano più di 25 milioni di nomi e indirizzi email, 22 milioni di numeri di cellulare e 600 mila nomi e numeri di patente di guida: il tutto senza che l’azienda denunciasse la violazione nel 2016. A dirlo è la Federal Trade […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.