Trattativa, convocato Graviano

La Corte ammette su richiesta dei pm il boss di Brancaccio e acquisisce le registrazioni in cui parla dei favori chiesti da Berlusconi e sembra indicarlo come mandante delle stragi del 1992
Trattativa, convocato Graviano

Nell’aula bunker dell’Ucciardone non andrà Vladimir Putin, ci sarà invece Giuseppe Graviano, il boss stragista di Brancaccio a raccontare, dopo che la sua voce è stata intercettata in carcere e dopo le polemiche sulla consapevolezza, o meno, di essere ascoltato, la sua verità sulla stagione stragista e soprattutto sui suoi rapporti, finora presunti, con Silvio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.