Tra Olmi e Taviani: il “papabile” è “Lazzaro”, non il doc di Wenders

Il “primo” Bergoglio non va oltre. Per la Palma si guarda a Alice Rohrwacher
Tra Olmi e Taviani: il “papabile” è “Lazzaro”, non il doc di Wenders

C’è l’attenzione per la natura, il monito sul capitalismo, la salvaguardia degli ultimi, l’elogio della santità, la lotta alla sperequazione: il 71° Festival di Cannes accoglie il film di Papa Francesco, che contrariamente alle apparenze non è Pope Francis – A Man of His Word, il documentario di Wim Wenders, bensì Lazzaro felice, l’opera terza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.