Souef, 23 anni “La polizia mi ha pagato per venire qui”

Souef, 23 anni  “La polizia mi ha pagato per venire qui”

Capelli lunghi e pettinati all’indietro come un modello. Souef Godnaa, 23enne pachistano, oppone un minimo di resistenza quando la polizia di frontiera lo fa scendere dal treno. “Non sto commettendo alcun crimine”, accenna mentre lascia lo scompartimento. Assieme a un amico viaggia senza documenti sul Vienna-Roma. Le forze dell’ordine allineano 7 migranti sulla banchina e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.