“Se vince il No, abbandono la politica”. Quei dodici mesi di renzate a vanvera

Promemoria - Dal dicembre 2015 a pochi giorni fa: “Non sono come gli altri”
“Se vince il No, abbandono la politica”. Quei dodici mesi di renzate a vanvera

ora che Matteo Renzi – con studiata scenografia che umilia la funzione del capo dello Stato – si mette da premier dimissionario a dare le carte sul prossimo governo e pure sulle prossime elezioni, ecco un utile (e parziale) promemoria su cosa ci aveva detto che avrebbe fatto quello stesso Matteo Renzi, un politico diverso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.