Scontro fra treni, i pm a caccia di chi alterò i registri

Trani - I capistazione si contraddicono fra loro, quello di Andria nega le annotazioni a penna. L’ipotesi dell’intervento dall’alto
Scontro fra treni, i pm a caccia di chi alterò i registri

Signor giudice, mi creda, io alle 10.59 ho avvisato il capostazione di Corato che il mio treno, l’Et 1021, era partito da Andria”. Così il capostazione di Andria, Vito Picarreta, ha iniziato la sua deposizione davanti al pool di magistrati che indagano sul disastro ferroviario del 12 luglio. Un interrogatorio teso e lunghissimo, iniziato alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.