Saccheggiata e scomparsa: l’arte perduta per le guerre

Le più grandi razzie: quelle napoleoniche e quella nazista, qualcosa è rientrato in Italia, ma la maggior parte delle opere è rimasta dov’è o è dispersa
Saccheggiata e scomparsa: l’arte perduta per le guerre

No, la “Gioconda” no, quella non è stata saccheggiata, anche se in tanti lo pensano, compreso quel Vincenzo Peruggia che nel 1911 la ruba con l’intenzione di riportarla in Italia. Invece il ritratto di Monna Lisa era stato venduto a Francesco I proprio da Leonardo da Vinci, trasferitosi alla corte del re di Francia. Legittima […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.