» Politica
domenica 26/11/2017

Berlusconi, restano tre gravi imputazioni e l’indagine sulle stragi di mafia

I processi - Ruby e le cene eleganti, il giro di squillo di Gianpi, la compravendita di senatori e le bombe degli anni Novanta

È tornato. Di nuovo in campo. Pronto alla campagna elettorale, Silvio Berlusconi sfodera l’ultima idea venuta al suo avvocato, Niccolò Ghedini: chiedere la riabilitazione in Cassazione e presentare una “candidatura con riserva”. Schermaglie destinate più alla propaganda politica che a ottenere concreti risultati giudiziari. Anche perché Silvio Berlusconi, che è tornato a indossare i panni del leader politico, resta però ancora coinvolto in procedimenti giudiziari: è tre volte imputato, a Milano, a Torino e a Bari, oltre che indagato, a Firenze.

L’ultima cattiva notizia gli è arrivata da Torino: la Procura della Repubblica ha chiesto il suo rinvio a giudizio per corruzione in atti giudiziari. Secondo l’accusa, avrebbe pagato una ragazza, Roberta Bonasia, perché raccontasse il falso ai giudici sulle “cene eleganti” di Arcore, nel 2010, ai bei tempi del bunga-bunga. È uno dei filoni del cosiddetto Ruby 3, il procedimento aperto dalla Procura di Milano e poi spezzettato da un giudice in tanti rivoli arrivati in diverse città d’Italia. Il processo principale si è già aperto a Milano. I pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio hanno raccolto prove per sostenere che l’ex presidente del Consiglio ha pagato 10 milioni di euro ad alcune ospiti delle feste di Arcore, per addomesticare le loro testimonianze sotto giuramento davanti ai giudici dei processi Ruby 1 e Ruby 2. Hanno indagato 30 testimoni, oltre a Berlusconi, tutti accusati di falsa testimonianza. Di questi, 21 ragazze (tra cui Karima El Mahroug detta Ruby, la ragazza allora minorenne da cui tutto partì) devono rispondere con il fondatore di Forza Italia anche di corruzione in atti giudiziari.

Berlusconi resta imputato anche a Bari. È accusato di aver indotto un possibile testimone a mentire ai magistrati baresi, a suon di soldi: è Gianpaolo Tarantini detto Gianpi, l’intraprendente imprenditore pugliese che forniva ragazze a pagamento per le feste romane del risuscitato leader di Forza Italia. È in corso l’udienza preliminare che deciderà se rinviarlo a giudizio.

A Napoli c’è invece la coda di un processo per corruzione. La Procura gli ha contestato di aver pagato 3 milioni di euro a un senatore dell’Italia dei valori, Sergio De Gregorio, per strapparlo al suo partito e farlo passare nelle schiere del Popolo della libertà. Una mossa per indebolire l’allora maggioranza che sosteneva il governo di Romano Prodi, che infatti nel 2008 cadde, aprendo le porte alle nuove elezioni poi vinte da Berlusconi. Condannato in primo grado, l’ex cavaliere in appello è stato dichiarato prescritto, ma con una sentenza che conferma i fatti commessi e l’imposizione a risarcire il danno al Senato, che si è costituito parte civile. Ora la Cassazione dovrà chiudere la partita.

A Firenze l’indagine più delicata: sulle stragi di mafia del 1993. Era stato già due volte indagato, in passato, e due volte archiviato, insieme al suo braccio destro Marcello Dell’Utri. Ora la Procura fiorentina, che ha il compito di fare luce sulla stagione stragista dei primi anni Novanta, ha di nuovo iscritto sul registro degli indagati Berlusconi e Dell’Utri, per verificare le parole pronunciate in carcere (e intercettate) dal boss di Cosa nostra Giuseppe Graviano, gran regista delle bombe scoppiate “in continente”, a Firenze, Roma e Milano, nel 1993. “Berlusconi mi ha chiesto questa cortesia, per questo c’è stata l’urgenza”, diceva Graviano al suo compagno dell’ora d’aria, il camorrista Umberto Adinolfi. Era il 10 aprile 2016 e le telecamere nascoste della Direzione investigativa antimafia registravano il dialogo tra i due. “Lui voleva scendere, però in quel periodo c’erano i vecchi”, spiegava Graviano. “E lui mi ha detto: ci vorrebbe una bella cosa”. Poi sbottava: “Trent’anni fa, venticinque anni fa, mi sono seduto con te, giusto? Ti ho portato benessere. Poi mi è successa una disgrazia, mi arrestano, tu cominci a pugnalarmi. Per cosa? Per i soldi, perché ti rimangono i soldi”.

Tre volte imputato e ancora indagato, come possibile mandante delle stragi di Cosa nostra. Così Berlusconi si avvia alla campagna elettorale.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Candidature impossibili

Radicali: “Gentiloni rimuova l’ostacolo della raccolta firme”

Sit in di Radicali italiani ieri mattina davanti a Palazzo Chigi per chiedere al governo Gentiloni di adottare un decreto legge che rimuova gli ostacoli per i cittadini al diritto di presentarsi alle elezioni e di promuovere referendum. Dirigenti e militanti si sono ritrovati in fila davanti al protocollo della Presidenza del Consiglio per consegnare una lettera individuale al premier. “Subito dopo aver protocollato la lettera – si legge in una nota – sono rimasti davanti palazzo Chigi praticando il duran adam, una forma di espressione nonviolenta nata in Turchia dopo i fatti di piazza Taksim, consistente nel rimanere letteralmente in piedi in attesa di una risposta dalle istituzioni”. Obiettivo di Radicali italiani cambiare le regole per la raccolta firme che, “imponendo l’autentica da parte di un pubblico ufficiale, riservano oramai solo ai partiti presenti in Parlamento i diritti di elettorato passivo e di promozione dei referendum, visto che sono gli unici ad avere a disposizione gratuita un esercito di amministratori locali pronti ad autenticare le sottoscrizioni”.

Politica

“Tra questi due non scelgo”. “Silvio mai, è meglio Luigi”

Italia

“La sinistra ride dei nostri programmi e poi li copia”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×