Regeni, due mesi di parole: la realpolitik batte i proclami

Renzi insiste: “Non ci accontentiamo”. Ma il governo subisce le “verità” del Cairo
Regeni, due mesi di parole: la realpolitik batte i proclami

Sono due le espressioni che tornano più spesso tra le “dure prese di posizione” del governo sul caso Regeni, dal giorno in cui è stato ritrovato il cadavere del ricercatore ucciso in Egitto: “Niente verità di comodo” e “pretendiamo collaborazione”. Quasi come un mantra, quasi a voler ripetere ossessivamente ciò che – è ormai chiaro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.